Laurina Paperina – Assassinii d’artista

fino al 25.II.2011
Laurina Paperina
Padova, Perugi
Assassinii d’artista. Tra reazioni estreme, feroci conseguenze logiche e fatali incidenti di percorso. Maneggiatela con cura, l’arte è pericolosa…

pubblicato su Exibart venerdì 28 gennaio 2011

Why do you guess I am not conceptual artist? La migliore introduzione alla mostra di Laurina Paperina (Rovereto, 1980) si trova su un suo wall painting nella galleria. Il clima incandescente che ha preceduto la personale si è riversato in un foglio di sala fatto di soli commenti tratti da Exibart.com, per ribadire il celebre adagio pubblicitario del “se ne parli male purché se ne parli”.Più interessante la risposta sul campo, con cui l’artista afferma indirettamente un proprio carattere concettuale, o meglio una profondità e un pensiero dietro il proprio lavoro. Una rivendicazione fatta nel segno della continuità. Quello di Paperina è ormai uno stile autonomo e riconoscibile, i cui debiti con certo tipo di immaginario sono sempre stati espliciti, come illustrato in mostra dalle 25 piccole immagini a sfondo erotico, che raffigurano anche alcuni personaggi dai quali ha tratto ispirazione, dai Simpson a Mickey Mouse.
Lo spazio principale della galleria è occupato dai nuovi episodi del video (How to) Kill the Artists. Si tratta di una serie iniziata nel 2006 con l’idea di evocare la morte violenta di artisti famosi, attraverso molteplici e liberatorie uccisioni dei padri, da Marcel Duchamp a Martin Creed, con una predilezione per i più concettuali. Ma più dell’indagine freudiana sulla scelta degli artisti portati al supplizio, sono significative soprattutto le opere che ne diventano occasione. Si tratta spesso di lavori estremi, sul limite di ciò che all’epoca poteva dirsi arte.
Laurina Paperina - (How to) Kill the Artists (Man Ray) - 2010 - still da video - courtesy l’artista & Perugi Arte Contemporanea, Padova
Paperina lascia agire le loro capacità di offesa e scandalo, anche se il meccanismo non sempre funziona. È efficace quando illustra i potenziali esiti estremi di una provocazione, di un gesto dissacratorio, di un’opera insopportabile. Spesso è il pubblico a reagire di fronte all’oltraggio, con una violenza iconoclasta che pretende l’eliminazione non solo dell’opera ma anche del suo artefice. Convince e diverte, inoltre, anche quando sviluppa una feroce logica da cartoon, in cui il compimento dell’opera è dato dalla morte dell’artista (ma non è qui il caso di scomodare PPP e le sue Osservazioni sul piano-sequenza). Ad esempio, nell’episodio dedicato a Francis Alÿs alle prese con le estreme conseguenze di Paradox of Praxis, quando esauritosi il blocco di ghiaccio trascinato per la strada è lo stesso artista a trascinarsi e sgretolarsi sull’asfalto.
Purtroppo, la catena logica fantastica che lega queste narrazioni non sempre tiene, dando l’impressione di una certa frettolosità che segna l’andamento o lo sviluppo di alcuni episodi. Si affonda così nella ripetizione di due schemi standard: l’incidente di percorso o l’aggressione più o meno gratuita da parte di uno spettatore o di un estraneo, che non rendono giustizia alle uccisioni più riuscite.
Laurina Paperina - (How to) Kill the Artists (Bruce Nauman) - 2010 - still da video - courtesy l’artista & Perugi Arte Contemporanea, Padova
Del resto, la difficoltà per un linguaggio snello, veloce e fedele a se stesso come quello di Paperina è appunto il rischio della ripetitività, di una serialità immotivativa, che soltanto buone idee – o, per usare un termine ormai demodé, l’ispirazione – possono riscattare e illuminare.
Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: