biennale 2009 – Estonia, Lettonia, Lituania, Polonia

biennale 2009_partecipazioni nazionali
Area baltica

Set, installazioni documentali, sculture di nastro magnetico. Dalla Polonia al Mar Baltico, il racconto di mondi possibili passa attraverso schermo e pellicola. Tanto che si potrebbe interpretarlo come il capitolo d’una sotterranea rassegna nella rassegna…


pubblicato venerdì 3 luglio 2009

Ai mondi possibili che Birnbaum ha raccolto tra Arsenale ed ex Padiglione Italia fa da eco in molti padiglioni nazionali l’utilizzo della videoarte, medium più vicino al contesto narrativo evocato dal titolo della 53. Biennale. Tanto che si potrebbe quasi vagheggiare una sotterranea rassegna nella rassegna, intitolata Fare video. Nei padiglioni di Polonia e Paesi Baltici, ad esempio, ci si riferisce pressoché unicamente ai linguaggi della videoarte, anche quando ci si allontana da una matrice esplicitamente narrativa, per esplorare opzioni più materiali.
In Guest, Krzysztof Wodiczko dà spazio alle testimonianze di immigrati a Roma e Varsavia, eterni ospiti che non possono sentirsi a casa propria. Sulle pareti del padiglione polacco vengono proiettati dei portali su cui s’alternano ombre indistinte che vediamo al lavoro, in pausa o immerse in conversazioni. I loro racconti denunciano emarginazione, precarietà, incertezza, con una modalità espressiva che riesce a conquistare l’attenzione dello spettatore, ma che appare troppo elegantemente teatrale per scuoterne davvero la coscienza.
Più efficace il lavoro di Kristina Norman, che attraversa la storia di un vecchio monumento, simbolo di due opposte memorie collettive, ricordo dell’oppressione sovietica e simbolo della propria identità per la minoranza russa. Nel 2007, lo spostamento del monumento dal centro al cimitero militare, a 2,5 km di distanza, fece scoppiare una violenta protesta, durata due notti, prima che la polizia riuscisse a prevalere. L’artista che rappresenta l’Estonia ne racconta antefatti, sviluppo ed epilogo, realizzato il 9 maggio scorso, quando ha ricollocato nella sede originale una copia dorata, attirando l’attenzione di chi continua a frequentare quel luogo simbolico, e della polizia, che ha nuovamente rimosso la statua.
Kristina Norman - After-War - 2009 - 53. Biennale di Venezia, Padiglione Estonia - Palazzo Malipiero - photo Reimo Vosa-Tangsoo
Convince anche la doppia mostra del padiglione lettone, la cui protagonista è la natura. Evelina Deicmane ne esplora situazioni limite. Come nel video principale, in cui nove persone sepolte fino al collo nella neve sono riprese da lenti piani sequenza e primi piani, come se si trattasse di un surreale ed enigmatico coro silenzioso, concentrato su se stesso e sul proprio disagio. Quella di Miks Mitrevics è una natura meno ostile, anzi fragile, come avverte il titolo della mostra. L’artista ne addomestica i paesaggi in artificiali set in miniatura, fatti di scorci e panorami in cui sono inserite piccole sagome umane. La luce è il loro elemento portante, che li immerge in eterni tramonti, alla cui artificialità fa da contraltare l’energia solare che li alimenta.
Evelina Deicmane - Season Sorrow - 2009 - 53. Biennale di Venezia, Padiglione Lettonia - Spazio Ferrari - courtesy l’artista
Nelle opere del lituano Zilvinas Kempinas, i videotape acquistano la forma di sculture, fatte non di luce solida – come quelle di Anthony McCall – ma della materia leggera e fluttuante che conserva l’impressione. Nella vecchia scuola della Misericordia, l’artista costruisce un tunnel fatto di strisce di pellicola intervallate tra loro. Un luogo dalle pareti traslucide, che modificano la percezione dello spazio esterno ed enfatizzano i movimenti che si svolgono dietro di esse.
Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: