Maurizio Donzelli a Venezia

fino al 30.V.2009
Maurizio Donzelli
Venezia, Caterina Tognon

Un pavimento di disegni e specchi che racchiudono immagini mutevoli. Una riflessione sul principio che si oppone alla rappresentazione. Preferendo forme allo stato embrionale, che galleggiano sulla superficie dell’essere…


pubblicato lunedì 18 maggio 2009

Nei suoi scritti raccolti in Arte e illusione, Ernst Gombrich rifletteva su quanto il nostro sguardo sia antico, condizionato dalle esperienze, tanto che bastano pochi segni su un foglio a dar l’impressione di un volto o di un paesaggio, riaccostando la loro composizione a immagini che ci sono più familiari.
I disegni di Maurizio Donzelli (Brescia, 1958) sfidano questa consuetudine, ostinandosi a rimanere in quella terra di nessuno tra segno e rappresentazione. L’artista lombardo cerca di azzerare il disegno, di ridurlo al minimo, fermandosi prima di averne fatto un oggetto di riproduzione del mondo esterno, prima che emerga la realtà tiranna a determinare ogni referenzialità e a limitarne potenzialità e sviluppo.
Ispirandosi ai disegni e alle riflessioni teoriche di Klee, Arp e Matisse, le linee sinuose dei suoi acquerelli propongono forme d’ispirazione naturale e organica. Descrivono silhouette di sconosciuti organismi primordiali, forme embrionali che racchiundono in sé tutta la natura bifronte dell’inizio, che è tutto in potenza e rimane sospeso tra essere e non essere. Le opere di Donzelli, pertanto, non possono che costituirsi nel continuo confronto con lo spettatore, prendendo la propria realtà dal suo sguardo, instaurandovi un dialogo continuo.
Questa relazione necessaria è ribadita grazie al carattere indecidibile del disegno, che impedisce di dare univoci riferimenti anche solo per il punto di vista da cui l’opera va guardata. Nei suoi Mirrors, ad esempio. Si tratta di quadri-scatola in legno e vetro, che contengono collage e disegni e alcune lenti prismatiche. Gli effetti di distorsione della luce sulle lenti le rendono specchi fino a 40 gradi, mentre più frontalmente creano immagini che mutano forma in base agli spostamenti dell’osservatore. L’opera si modifica a ogni minimo cambiamento del punto di vista, tanto da suggerire il movimento attorno a essa, per sfruttarne il gioco mutevole delle forme e costruirne un’immagine mentale stratificata.
Lo stesso principio d’indecidibilità si ritrova nella grande installazione da cui la personale prende il titolo, La natura delle cose. Un pavimento ricoperto da disegni e reso calpestabile grazie a una superficie in policarbonato trasparente. Accostati l’uno all’altro, i disegni perdono l’univocità del verso, anche grazie agli specchi appesi alle pareti e al soffitto, che ne rovesciano l’immagine. Lo spettatore è lasciato libero di muoversi sui disegni e attorno a essi, di rovesciarne e ristabilirne la direzione. E d’interpretarne sovrapposizioni e accostamenti. Ciascun foglio, disposto sul pavimento senza soluzione di continuità, perde i propri confini, facendo interferire i propri segni con quelli che gli stanno accanto, richiamando possibili continuità e sovrapposizioni.
Maurizio Donzelli - La natura delle cose - 2009 - veduta dell’installazione presso la Galleria Caterina Tognon Arte Contemporanea, Venezia 2009 - photo Francesco Allegretto
Come se la loro ambiguità strutturale venisse amplificata dal loro accostamento, facendone immagini ancor più fluttuanti, molteplici attributi di un essere privo di determinazioni.


articoli correlati
I Mirrors di Donzelli a Torino

stefano mazzoni

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: