Seconda Elegia

[Nel mezzo dell’eterna serie delle scritture dell’impermanenza mi permetto un intermezzo poetico, la traduzione è di Enrico e Ingea De Portu, qua e là ho modificato qualche parola. La scrivo qui, perchè in rete non si trova e ogni tanto sento il bisogno di averla a portata di mano]

Gli Angeli sono tutti trementi. Eppure, ahimè
io vi invoco, uccelli d’anima che quasi fate morire,
pur sapendo di voi. Dove sono i giorni di Tobia,
quando uno dei più radiosi si stette all’umile porta di
casa
un po’ travestito da viaggio e, così, già non più spaventoso,
(giovane al giovane che guardava fuori curioso).
Si movesse ora l’Arcangelo, il pericoloso, si movesse da
dietro le stelle
di un passo soltanto, giù verso di noi: con la violenza
del battito, ucciderebbe noi, il proprio cuore. Chi
siete voi?
Voi, primi perfetti, viziati dalla Creazione,
profili di vette, creste di tutto il Creato
rosse d’aurora, – polline della divinità in fiore,
articolazioni di luce, anditi, scale, troni,
spazi d’essenza, scudi di delizia, tumulti
di sentimento in tempeste d’entusiasmo, e a un tratto,
uno per uno,
specchi: riattingete nei vostri volti
la bellezza che da voi defluisce.

Ma per noi, sentire è svanire; ah, noi
ci esaliamo, sfumiamo; di brace in brace
buttiamo odore più lieve. Ecco, qualcuno ci dice:
sì, tu mi entri nel sangue, questa stanza, la primavera,
s’empie di te… Che giova, egli non può trattenerci,
noi svaniamo in lui e a lui intorno. E la bellezza
oh, chi la trattiene? Sul volto la sembianza
sorge e spare senza posa. Come rugiada dall’erba novella
quel che è nostro svapora da noi, come il calore da
vivanda calda. Oh, sorriso, dove mai? Oh alzar d’occhi:
nuova, calda, fuggitiva onda del cuore –
ahimè: eppure siamo questo, noi. Avrà forse sapore
di noi il cosmico spazio in cui ci dissolviamo? Sarà vero
che gli Angeli
attingono soltanto dal loro, emanato da loro,
o c’è talvolta, come per sbaglio, un po’
d’essere nostro? Ai loro tratti
siam misti soltanto così, come quel che di vago ch’è nel
volto
delle gestanti? Gli Angeli non se ne accorgono nel
vortice
del loro ritorno a se stessi. (Come potrebbero
accorgersene).

Gli amanti potrebbero, se sapessero come, nell’aria
della notte
dire meraviglie. Perchè pare che tutto
ci voglia nascondere. Vedi, gli alberi sono, le case
che abitiamo reggono. Noi soli
passiamo via da tutto, aria che si cambia.
E tutto cospira a tacere di noi, un po’ come si tace
un’onta, forse, un po’ come si tace una speranza
ineffabile

Amanti, a voi, placati l’uno nell’altro,
io domando di noi. Voi vi avvincete. Ne siete sicuri?
Guardate, mi accade che le mani mie s’accorgano
una dell’altra, o che il mio volto
consunto in esse si riposi. È un po’ di
sensazione. Ma per questo soltanto chi oserebbe già
essere?
Ma voi che nell’estasi dell’altro
crescete, finch’esso, vinto,
vi supplica: non più-, voi che sotto le carezze
vi diventate più prosperi, come annate di grappoli;
voi che se venite meno talvolta, è solo perchè l’altro
prevale del tutto: io vi domando di noi. Lo so,
vi toccate beati così, perchè la carezza trattiene,
perchè non svanisce quel punto che, teneri,
coprite; perchè in quel tocco avvertite
il permanere puro. E l’abbraccio, per voi, è una
promessa
quasi d’eternità. Eppure, dopo lo sgomento
dei primi sguardi, e lo struggersi alla finestra
e la prima passeggiata fianco a fianco, una volta per il
giardino,
amanti, siete amanti ancora? quando vi sollevate
per porvi alla bocca l’un l’altro-: bevanda a bevanda:
o come stranamente bevendo sfuggite a quel bere.

Non vi stupì sulle attiche stele, la discrezione
del gesto umano? E come posa lieve
sulle spalle Amore e Addio, come se fosse
d’altro che da noi? Rammentate le mani,
come posano senza peso, e sì che nei torsi c’è vigore.
Questi maestri della misura sapevano: noi arriviamo fin
qui,
questo è nostro, di toccarci così, più forte
ci gravan gli Dei. Ma è cosa degli Dei.

Lo trovassimo anche noi un umano
puro, contenuto, ristretto, una striscia nostra di terra feconda
tra fiume e roccia.
Perchè il nostro cuore
ci trascende
ancora, come avveniva con loro. Ma non possiamo più
perseguitlo in immagini dov’esso si plachi, nè
in corpi divini dove, più grande, si moderi.

Rainer Maria Rilke

Annunci

Un Commento

  1. quanto amo le elgie duinesi… ma lo sai.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: