André Butzer – Matthew Brannon

fino al 10.I.2009
André Butzer / Matthew Brannon
Milano, Giò Marconi

Una pittura ingenua, nervosa e ossessiva, dove astrazione e figura sono intercambiabili. Con destabilizzanti accostamenti d’immagini di oggetti quotidiani e didascalie inattese. Due mostre che hanno l’inaccessibilità come filo conduttore…


pubblicato martedì 23 dicembre 2008

Quella di André Butzer (Stoccarda, 1973; vive a Berlino) è una pittura densa e aggressiva, fatta di forme lineari e corpi informi, in cui astrazione e figurazione si rivelano intercambiabili. Guardando gli ultimi lavori di Brannon, si scorgono i rimandi con disegni recenti, in cui ai suoi Friedens Siemens, personaggi seriali dai volti deformi – versioni fumettistiche del celebre urlo di Munch, presenti in due delle opere in mostra – si accompagnavano gli stessi segni protagonisti delle opere astratte presentate ora in galleria.
Si tratta di tele di grandi dimensioni in cui segmenti e figure geometriche colorati si ripetono su sfondi per lo più monocromi. I loro intrecci sembrano costruire reticolati che imbrigliano il caos delle pennellate di grigio sullo sfondo, nervose e accese, attraverso segni più definiti. Due delle ultime opere, Senza titolo come le altre, lasciano il monocromo per approdare a un tripudio di colore, le cui stratificazioni grondano di cromatismi e materia densa, variamente coagulata sulla tela, dando un forte dinamismo. Che appare comunque malato, tetro e minaccioso, come un carnevale sanguinario.
André Butzer - Untitled - 2008 - olio su tela - cm 180x270 - courtesy Galleria Giò Marconi, Milano
Quella di Butzer è un’estetica cruda e sgraziata, fatta di colori saturi e intensità aggressive, che ricorda Espressionismo e Art Brut. Come un rituale ossessivo, che sposa la rapidità di esecuzione a motivi ripetuti serialmente, in reiterate approssimazioni di una stessa idea.
Al piano superiore, la materia cede il passo alla forma e l’atmosfera si fa più rarefatta. La prima personale italiana di Matthew Brannon (St. Maries, 1971; vive a New York) s’ispira alle atmosfere di un dietro le quinte. La parte nascosta di uno spettacolo è suggerita da due opere “rovesciate”, un wall painting in acrilico nero che ricorda il retro di un quadro e un’installazione su muro che dà l’impressione di un backstage dal quale non si può uscire.
Questa sensazione di inaccessibilità è ribadita nei suoi lavori che combinano grafica, pittura e scrittura, il vero centro della mostra. Matthew Brannon - Grandmothers - veduta della mostra presso Giò Marconi, Milano 2008Le stampe dell’artista dell’Idaho isolano le silhouette di oggetti quotidiani, dalle forme stilizzate e appiattite, ravvivate attraverso una ricercata palette di colori. Le accompagnano didascalie che, anziché chiarirne il significato, lo complicano ulteriormente, dandogli una profondità psicologica inattesa, che contrasta con la loro apparente banalità. Con piccoli racconti, frammenti di dialoghi o brevi frasi, che parlano di eccessi e abusi, ambizione e fallimento, sesso, strutture di potere e rapporti in crisi. Talvolta anche il titolo sovrappone un ulteriore piano interpretativo.
Brannon gioca con testi e immagini, destabilizzando la percezione dello spettatore. Facendo scivolare il piano estetico su quello di una narrazione imprevista e incompleta, immagine e parola entrano in cortocircuito e lasciano lo spettatore nell’imbarazzo di decifrare collegamenti oscuri e ricostruire contesti del tutto sconosciuti.

articoli correlati
La vita su Nasaheim

stefano mazzoni
mostra visitata l’11 dicembre 2008

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: