Jacopo Miliani / Richard Clements

fino al 14.IX.2008
Jacopo Miliani / Richard Clements
Milano, Brown
Una doppia mostra “occupa” la redazione di una rivista senza carta. L’altare di una cerimonia interrotta, oggetti che denunciano la tirannia della percezione. Riflessioni sul rapporto tra spazio e spettatore, tra alchimia, minimalismo e spiritualità…

pubblicato su Exibart martedì 2 settembre 2008

Siamo abituati a vedere pubblicazioni virtuali passare dal web alla carta, ma riviste online che si materializzano come progetti espositivi sono quasi una novità. Brown project space nasce da “Brown magazine”, dando forma concreta ai temi al centro della pubblicazione: spiritualità, alchimia e arte popolare.
L’installazione The Guest di Jacopo Miliani (Firenze, 1979) riflette sullo spazio. Sul pavimento è collocata una piattaforma di quattro lastre nere, che lo divide in un’area percorribile e un centro non oltrepassabile per lo spettatore. La piattaforma s’impone come una sorta di altare, la cui dimensione sacra è ribadita e amplificata dai quattro specchi sui quattro angoli della stanza, che moltiplicano le dimensioni e convogliano i raggi in un unico punto, dando luogo a un’invisibile piramide di luce.
All’esterno di essa, su due pareti opposte, una maschera e una pietra, una forma densa di significati simbolici che fissa la materia da cui deriva. L’atmosfera sospesa e incontaminata è violata da un semplice elemento. Basta un foglio di carta abbandonato sulla piattaforma a sovvertire l’ordine, facendo irrompere nello spazio del cerimoniale una temporalità diversa. Richard Clements - Senza titolo (particolare) - 2008 - vetro, legno, ottone, polvere di ottoneUn semplice oggetto trasforma la perfetta circolarità senza ripetizioni del rit, in una successione di momenti, testimonia l’interruzione di una cerimonia o il suo essere ancora da compiersi. E colloca lo spettatore sulla soglia di due spazi e di due temporalità completamente differenti.
Le opere di Richard Clements (Londra, 1983) sono oggetti muti, che s’impongono come baluardi contro la tirannia della percezione e le sue pretese di classificazione. Da una parte, a terra, cinque assi di ebano e acciaio, assemblate in una forma aperta. La materia esprime la forza del suo colore, non manipolato artificialmente, privo di qualsiasi camuffamento. Di fianco, una forma chiusa con gli angoli smussati, il calco in bronzo di un oggetto trovato, dipinto di bianco, come lo sgabello di legno su cui è collocato.
Le opere in mostra non eludono l’obbligo di significazione dello spettatore, ma intessono legami tra loro, facendo dialogare differenze e analogie delle loro forme e della loro materia. L’aspetto materiale e la trasformazione degli elementi sono centrali nell’opera di Clemens. Qui lo sottolineano soprattutto le due bottiglie di Klein presentate: alambicchi in vetro ripiegati su se stessi e senza nessuno sfogo, nessuna via d’uscita all’esterno. Intrappolano le particelle di bronzo che contengono in un processo infinito di modificazione.
Jacopo Miliani - The Guest - 2008 - veduta dell’installazione
Esattamente al contrario del riposo ermeneutico di cui parla Tiziano Scarpa, questi oggetti non offrono alcuna rassicurazione, mantengono vivo il disagio di un’interpretazione che non riesce ad afferrare un’unica chiave in grado di disinnescare la loro carica semantica. Al contrario, rimangono silenti e ci intrappolano in un groviglio inestricabile di significati, formali, linguistici, spirituali. In una ricerca senza fine.
Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: