Superdome

fino al 24.VIII.2008
Superdome
Paris, Palais de Tokyo
Un elefante in equilibrio sulla proboscide, un esercito di Darth Vader, una pistola che spara bottiglie di birra. Cinque personali riflettono sul caos. Sotto l’egida di un luogo simbolo di divertimento e disperazione…

pubblicato su Exibart venerdì 11 luglio 2008

Dal 30 agosto 2005 il Superdome di New Orleans raccolse decine di migliaia di sfollati in seguito alle devastazioni causate dall’uragano Katrina, trasformandosi da tempio del football americano in un’icona di caos e sofferenza. È da questo suo status ambivalente, come trait d’union di divertimento e afflizione, che prende spunto la sessione di cinque mostre personali al Palais de Tokyo, per seguire percorsi autonomi ma in parte convergenti.
Dump di Cristoph Büchel richiama più direttamente la devastazione delle case di New Orleans ridotte a macerie. Sotto di una montagna di rifiuti, l’artista svizzero ricava possibilità abitative per un’umanità misera e disperata. Le stanze si articolano su due piani, in un dedalo di locali angusti, tutti integralmente costituiti da rifiuti e adibiti alle funzioni più varie -stanze da letto, un ufficio, una cappella, una scuola- dando vita a un percorso che culmina con un ampio salone delle feste, dove risuona un’Internazionale commovente e solitaria.
Un nucleo più consistente di opere ruota intorno a uno stato d’inquietudine. Last manoeuvres in the Dark di Fabien Giraud e Raphaël Siboni crea un minaccioso esercito di terracotta costituito da oltre trecento maschere di Darth Vader. Ciascuna maschera è dotata di un processore e collegata a un computer, in cui vengono rielaborati i diversi impulsi, producendo sulla scorta di un campionario di duecento canzoni una propria colonna sonora, una hit del male che fa da sfondo all’intera mostra.
Fabien Giraud & Raphaël Siboni - Last Manoeuvres in the Dark - 2008 - courtesy gli artisti - photo Didier Barroso
La tensione è protagonista anche nell’opera di Daniel Firman. Würsa è un elefante in verticale sulla proboscide. L’impossibile equilibrio della scultura iper-realista, ipotizzabile a 18 mila chilometri dalla Terra, disattende l’esperienza e riesce a occupare l’intero spazio che la ospita, caricando di stupore e disagio lo spettatore.
Afasia I di Arcangelo Sassolino è una grande pistola ad aria compressa collegata a sedici bombole di nitrogeno che scaglia bottiglie vuote di birra a 600 km/h contro una lastra metallica, mandandole in frantumi. Come nelle sue opere precedenti, l’artista vicentino crea uno stato di tensione fra le cose. In questo caso, trasferendolo nell’aspettativa dell’osservatore, attraverso i lunghi intervalli tra uno sparo e l’altro. Gli spettatori rimangono in silenzio, ammutoliti, concentrati nell’attesa di un evento che incombe ma che sembra non arrivare mai. Poi, la deflagrazione. Improvvisa, che coglie gli spettatori impreparati, facendoli letteralmente sobbalzare. Anche quando sono ormai intenti a osservare le altre opere in mostra.
Arcangelo Sassolino - Afasia 1 - 2008 - courtesy l’artista - photo Didier Barroso
Il tempo è protagonista di Time between Spaces di Jonathan Monk, riflettendo, con le consuete citazioni e riconcettualizzazioni di opere del passato, sulle sue declinazioni spaziali, attraverso vecchi orologi a pendolo, puzzle, specchi e ricetrasmittenti. Le opere si collocano in due edifici distinti ma specularmente identici, come avviene ad esempio per i due dipinti che riportano la piscina del Bigger Spash di David Hockney alla quiete successiva e precedente il tuffo. Si realizza così una sorta di stereofonia espositiva, che lascia che le opere si richiamino da un luogo all’altro, approfondendo il proprio significato e giocando con la memoria degli spettatori.
Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: