Trento Longaretti

fino al 27.VII.2008
Trento Longaretti
Milano, Fondazione Mazzotta
Mendicanti e girovaghi, musici, clandestini, madri e famiglie non felici. La poetica del pittore degli ultimi. Vista attraverso oltre sessant’anni di enorme coerenza compositiva…

pubblicato su Exibart lunedì 7 luglio 2008

La storia della pittura di Trento Longaretti (Treviglio, Bergamo, 1916; vive a Bergamo e a Framura, La Spezia) è quella di una fondamentale, costante e continua coerenza con il proprio stile. Le sue tele parlano di emarginati, mendicanti, clandestini, poveri, vittime di sospetto e indifferenza. La sua umile poetica della semplicità e della privazione si esprime attraverso volti scavati dalla fatica e dall’inedia, occhi sgranati dei suoi ragazzini scheletrici, mani grandi e callose e la malinconia delle tinte violacee, marroni e bluastre che li avvolgono.
Nei quadri dell’artista lombardo soffia il vento dell’est, sulle cupole dei monasteri ortodossi e sugli abiti dei profughi e mendicanti che dipinge. Quella dell’Est Europa non è soltanto una fascinazione tematica, ma anche espressiva. Oltre all’influenza del Picasso dei periodi blu e rosa, c’è molto Chagall nelle sue opere, e soprattutto Oskar Kokoschka, il cui La sposa nel vento viene richiamato da Maternità in azzurro con ragazzo.
La grande antologica dedicata dalla Fondazione Mazzotta a Longaretti si articola lungo tutto il periodo creativo dell’artista, Trento Longaretti - Figura drammatica di fuggiasco - 2002 - olio su tela - cm 103x68dai tempi di Corrente, con due tele degli anni ‘40 (Composizione (La poesia) e Natura morta con candela), fino alle ultime creazioni, tra cui La scodella vuota, è fame e Pellegrini d’oriente e gli orti del monastero.
La mostra si articola in due momenti espositivi. Al piano terra sono esposti i quadri di paesaggio. Paesaggi e passaggi, città che fanno da sfondo al peregrinare di fuggiaschi e clandestini costretti a un eterno movimento. Sono quadri di grande impatto cromatico, ricchi dei colori caldi di notti festose con più astri e più lune, mentre l’eterno viaggio dei migranti appare seminascosto nelle strisce oblique di colore che lo raffigurano. Al piano interrato, lo sguardo dell’artista si avvicina ai soggetti che lo interessano. Vengono meno i colori caldi e incendiari dei paesaggi, per toni più freddi, tesi ad accrescere l’immobilità di soggetti afflitti sempre dagli stessi mali o a raffigurarne lo sguardo con nature morte altrettanto disadorne e tormentate.
Mendicanti, musici, acrobati, ebrei, zingari si perdono in attimi eterni di solitudine, emarginazione e indigenza, in espressioni di disagio e profonda tristezza. Qui vecchi e bambini si accompagnano, passandosi il testimone del comune destino mendicante e affamato. Oltre agli uomini della strada, l’occhio di Longaretti scruta nel tormento della povertà domestica delle famiglie, dedicando ampio spazio al tema della maternità, raffigurata da madri che sono il ritratto della disperazione, ma che anche nella profondità del loro tormento sanno trovare spazio per la dolcezza.
Trento Longaretti - La scodella è vuota, è fame - 2008 - olio su tela - cm 100x150
Il Gattopardo di Giuseppe Tomasi di Lampedusa venne descritto come l’ultimo grande romanzo ottocentesco, pur appartenendo alla metà del secolo successivo. Allo stesso modo, le tele di Longaretti parlano il linguaggio di una pittura dei primi decenni del Novecento, e ne hanno lo stesso fascino e la medesima lontananza. Per questo, al termine della mostra, la grande coerenza dell’opera dell’artista lombardo lascia un dubbio sottile, come sottile è la distanza tra coerenza e reazione, tra fedeltà a se stessi e autoreferenzialità.
Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: