Matthew Spender

fino all’8.VI.2008
Matthew Spender
Milano, Castello Sforzesco
Un universo di sculture che celebra la figura femminile. Tra miti senza tempo e racconti del quotidiano. In un continuo confronto con la classicità e la tradizione scultorea italiana…

pubblicato su Exibart lunedì 26 maggio 2008

Le sculture di Matthew Spender (Londra, 1945; vive a Gaiole in Chianti, Siena) vengono da lontano. Sono avvolte in un’atmosfera senza tempo, come idoli di civiltà sconosciute, frutto di mitologie matriarcali. Rappresentano soprattutto figure femminili; bagnanti e madri, figure immote o in cammino, avvolte in un’essenzialità di tratti levigati ed espressioni austere, hanno tratti primitivi e semplificati, ma proprio per questo a misura d’eternità.
È il ‘91 quando Spender inizia a dedicarsi alla scultura, dopo la pittura. Fin dalle sue prime terrecotte coltiva un serrato dialogo con le forme classiche. Sarcofaghi e canopi etruschi, le sculture di Arturo Martini e Giovanni Pisano sono tra i principali interlocutori con cui si confronta. Spender cerca di riparlare una lingua antica, ma in grado di costringere lo spettatore a un cortocircuito temporale. Le sue opere sfruttano un’ingenuità profonda, in grado di scavare nel presente, recuperando forme e volti senza tempo, Matthew Spender - Madre con bambino - 1991 - terracotta - cm 163x48x74dando un carattere di passato anche al nostro quotidiano.
Con il passaggio prima al marmo e in seguito alla composizione di pietre diverse, l’opera di Spender si apre al colore, approdando infine alla terracotta smaltata, in cui le tinte di acconciature, vestiti e complessi floreali rimangono in bilico tra pop e kitsch. Significativamente, con il colore anche la sua poetica amplia i propri riferimenti. Commesse e bariste, prostitute e cantanti prendono il posto degli idoli materni, facendo progredire la ricerca spenderiana dal mito senza tempo al racconto del quotidiano, dopo aver già precedentemente sviluppato tratti autobiografici, come nella drammatica serie Mio padre morto.
Un discorso a parte merita l’attenzione dell’artista inglese per la capigliatura femminile. In contrasto con le forme sobrie e le espressioni austere dei volti scolpiti, le acconciature delle sue donne si fanno più ardite, rappresentando il punto in cui la licenza artistica raggiunge il massimo grado di libertà. Tanto da meritare il titolo dell’opera, come avviene in Acconciatura serpentina, in cui le ondulate curve dei boccoli scolpite nel marmo realizzano in un complesso e ricco intreccio di forme la suggestione di un’innocua Medusa piena di grazia.
Nella mostra al Castello Sforzesco sono ben tre gli spazi dedicati all’antologica dell’artista inglese, che da quarant’anni vive in una casa sulle colline senesi, immortalata da Bernardo Bertolucci in Io ballo da sola. L’allestimento si sviluppa per stanze in grado di ampliare la tensione narrativa degli ultimi lavori, creando spazi che accentuano il dialogo delle sculture e dei dipinti, facendone i protagonisti di una storia a cui i visitatori assistono.
Matthew Spender - Tutto Gas - 2007 - terracotta con smalto - cm 183x45x35 / 165x46x30 / 181x40x30 / 175x35x25
Ma sono le terrecotte nel cortile più interno a ricevere la maggior valorizzazione espositiva, trovando nel contrasto tra il loro monocromo e le pareti in mattoni che vi fanno da sfondo una risonanza che accresce il loro fascino arcano, come se ne fossero da sempre le abitanti.
Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: