Passaggi a Nord Est

fino al 18.V.2008
Passaggi a Nord Est
Padova, Galleria Cavour
Passaggi e paesaggi delle Tre Venezie. Dal mare alla montagna, dalla città alla campagna. Sguardi in due tempi, passato e presente, su una realtà segnata da un profondo mutamento…
 

pubblicato su Exibart giovedì 15 maggio 2008 

Passaggi, ritorni e cambiamenti. È su queste tre corde che si articola la piccola mostra alla Galleria Cavour. Protagonista è il paesaggio del nord-est, quello naturale dall’Alto Adige alla laguna veneta, e quello antropico fra strade, case e calli, dalla campagna friulana a Porto Marghera e ai cantieri navali di Pellestrina. Luoghi che negli ultimi trent’anni hanno visto svilupparsi un profondo cambiamento sociale, culturale ed economico che ne ha influenzato inevitabilmente anche la fisionomia e la stessa percezione dello spazio.
L’interessante collettiva a cura di Enrico Gusella e Italo Zannier si articola in due momenti. Il primo è uno sguardo al passato, attraverso brevi approdi di illustri fotografi italiani. Si tratta per ognuno di una singola fotografia, un unico scatto che scandisce il punto di partenza per un confronto tra due mondi lontani. Nella delicata immagine di due amanti al Lido di Gianni Berengo Gardin, nella solitudine di un uomo ritratto in una misera cucina da Mario Lasalandra e nel carretto in passaggio sotto la Specola di Padova, immortalato da Sergio Bruno, si riscoprono frammenti di un mondo remoto che, già all’epoca, poteva apparire fuori dal tempo.
Mario Lasalandra - Solo - 1969
Il secondo momento è quello del contemporaneo, che osserva il mutamento avvenuto. Qui la raffigurazione del paesaggio si trova di fronte a un bivio. Una direzione è segnata da una vena nostalgica, esemplificata soprattutto negli scatti di Guido Guidi, Giovanni Umicini e Lorenzo Salviolo. Fotografie che colpiscono per la faticosa ricerca di angoli incontaminati, in grado di testimoniare il passato o addirittura di appartenervi. Come se si cercasse di documentare ciò che si è salvato al mutamento, non solo recuperandone le reliquie, ma scovando delle possibili ancore in grado di fissare una continuità. Come se si fosse alla ricerca di un’immobilità del paesaggio, in grado di suscitare e riconoscere quelle stesse atmosfere malinconiche, povere e contadine di un tempo.
L’altra direzione sembra emanciparsi dalla ricerca della continuità con il passato, focalizzandosi sulle contraddizioni di un presente ancora incerto sulla propria identità e che non si riesce a guardare univocamente. Tra queste visioni vanno segnalate le fotografie della coppia Orsenigo_Chemollo, dedicate alla quotidianità del nord-est, esplorata nei suoi luoghi più comuni, come strade o interni di appartamenti, ma anche in grado di individuare nuovi simboli del paesaggio, come la barriera di Mestre e le sue interminabili code.
Cesare Gerolimetto - Centro storico di Verona - 2006
Nella serie Venezia in vetrina, Italo Zannier pone invece l’accento sui segni della contaminazione di presente e passato, in una città che mescola graffiti sulle saracinesche a scorci senza tempo. Gli sguardi sul mare di Enrico Bossan osservano il presente, testimoniandone la bellezza anche attraverso i mutamenti avvenuti, senza tradire il desiderio di un ritorno al passato.
Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: