Rumore

fino al 25.V.2008
Rumore: un buco nel silenzio
Milano, Spazio Oberdan

Battiti di mani, silenzi tombali, fragorose risate. Varie forme con cui l’arte accende il sonoro. Una mostra da sentire a tutto volume. Se non fosse per alcune infelici scelte allestitive…

pubblicato su Exibart venerdì 14 marzo 2008

La bacchetta di un direttore d’orchestra è appesa a un albero. Oscilla nel vento a dirigere i rumori di ciò che la circonda: il traffico, le voci dei passanti, lo stormire delle fronde. All’esterno, Conductor di Kris Martin introduce alla mostra dello Spazio Oberdan, arrivata dall’ultima edizione del Festival di poesia di Watou, per cui è stata ideata, portandone traccia nelle poesie che l’accompagnano.

Il cambiamento di sede ha influenzato la fisionomia di un’esposizione pensata per spazi più ampi, sacrificando parte delle opere lì esposte, ma soprattutto compromettendo la godibilità di quelle presentate e, in parte, l’idea stessa che sottostà alla mostra. Se è vero che rumore e silenzio si coappartengono come facce di una stessa medaglia, allo stesso modo non possono coesistere che alternandosi, creando un ritmo di suoni e pause che devono essere percepibili. Purtroppo, la scelta di riunire in un’unica stanza otto video eterogenei ha fatto sì che le opere si contaminassero, rendendo faticosa o addirittura impossibile la piena fruizione dei momenti e degli intervalli sonori che le costituiscono.
La mostra non segue un criterio filologico, ma sviluppa alcune suggestioni, rendendo un doveroso omaggio a due momenti artistici. Innanzitutto al Futurismo, con un pianoforte rivisitato secondo le istruzioni di Filippo Tommaso Marinetti e l’immancabile Luigi Russolo con il Risveglio di una città. All’artista friulano e al suo manifesto L’arte dei rumori sembrano collegarsi anche i tre video dedicati al mondo silenzioso della natura e degli animali, opposto a quello rumorosissimo della modernità.
John Cage - Please Play or The Mother, the Father or the Family - 1989 - pianoforte e tessuti - courtesy Fondazione Mudima, Milano
A Fluxus il secondo omaggio, silenzioso come i tre pianoforti rielaborati e restituiti dalla dimensione di strumenti musicali a quella di oggetti scultorei. Il più eloquente è quello di John Cage, rovesciato su una pila di tessuti con il titolo Please Play, invito allo spettatore con riferimento alla celeberrima composizione 4’ 33’’.
Nel gioco delle suggestioni che struttura la mostra vengono articolati gruppi di opere che si rimandano come versioni mute o sonore di uno stesso motivo. Come il sorriso silenzioso dei cento re di Diego Perrone e la fragorosa risata in omaggio a Gino De Dominicis di Lara Favaretto. O il linguaggio dei segni con cui Jordan Wolfson traduce il finale del Grande Dittatore e la commovente videoinstallazione di Melik Ohanian, che fa parlare le mani di alcuni disoccupati armeni. Oppure, ancora, l’acqua scrosciante sulle parole a china di Marcel Broodthaers, poi silente e immobile nelle boccette di Joko Ono, ideale preludio al silenzio tombale e definitivo dell’ora blu di Jan Fabre.
Melik Ohanian - The Hand - 2002 - 9 schermi, sonoro, testo su muro - courtesy Galerie Chantal Crousel, Paris
In generale, la mostra ha il pregio di riunire alcune opere di tutto rispetto e artisti di grosso calibro, ma non convince pienamente. Forse proprio a causa della struttura con cui è affrontato un tema così ampio. Perché la scelta di un percorso evocativo fatto di suggestioni può sì giustificare la mancanza di qualcosa, ma non è detto che sia in grado di far bastare quello che contiene.
Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: