Scompaginazioni

fino all’8.II.2008
Cuns #1
Milano, Assab One

Due artisti come curatori, un gallerista e un collezionista come artisti. Un progetto ambizioso: costruire un nuovo sistema per l’arte contemporanea. Il primo passo è una doppia mostra. Accade ad Assab One, sotto l’acronimo C.U.N.S….
pubblicato su Exibart giovedì 7 febbraio 2008

Cosa succede cambiando l’ordine degli addendi, la cui somma costituisce il sistema dell’arte? Artisti che fanno i curatori non sono una novità. Un ultimo, illustre esempio si è avuto alla scorsa Biennale di Venezia, con il padiglione francese che ha visto Daniel Buren curare l’opera di Sophie Calle. Ma cosa succede se si rimescolano tutte le carte del mazzo, invertendo e ricombinando i ruoli di artisti, curatori, galleristi e collezionisti? Il risultato rimane lo stesso?
È con questo interrogativo che nasce Cuns, un “modo di operare” ideato dai due artisti curatori della doppia mostra presso Assab One, Filippo Berta (Treviglio, 1977) e Stefano Romano (Napoli, 1975). Cuns è l’acronimo di Costruire Un Nuovo Sistema, ma vuole porsi anche come un semplice suono, che possa entrare nel linguaggio comune qualificando un modo di essere.
Negli spazi dell’ex stabilimento Gea è ospitata la videoinstallazione Processo: Equilibrio #1, in cui Giorgio Pandini, in arte Pangio, riflette sul concetto di equilibrio e sfida. L’architetto e collezionista, qui artista, costruisce una torre di mattoncini cubici 5×5 nei tre colori primari, utilizzando una minima superficie di appoggio, in modo che sia il peso stesso della torre a tenerla in piedi. Pandini vuole scoprire il punto di non ritorno, il momento in cui la stessa forza che stabilisce l’equilibrio statico della torre diventa motivo del suo crollo. La sfida è a disposizione dei visitatori, che possono sperimentare forme ed equilibri diversi, riassemblando liberamente gli altri moduli presenti nella sala.
Nello spazio attiguo, il celebre gallerista Sergio Casoli, nella mostra intitolata Per fortuna le cose migliori della vita sono ancora gratis, ricrea all’interno dello spazio della galleria una delle tipiche situazioni “di strada” con cui Emergency si promuove. Materiale informativo, opuscoli, manifesti, fotografie dei campi e degli ospedali dell’associazione occupano la sala, con tanto di veri volontari a un banchetto per dare informazioni e raccogliere fondi. Giocando con il nome dell’associazione, la situazione prende il titolo Emergenza arte, denunciando la necessità di un risveglio della coscienza sociale e di un rinnovamento nelle arti.
Giorgio Pandini – Processo: Equilibrio # 1 - 2008
È ancora presto per sapere dove porterà questo “modo di operare” qui al suo primo progetto, se Cuns riuscirà davvero a cambiare il sistema, propagandosi dall’interno, come un virus. Per ora ci si accontenta di iniziare a scompaginare l’ordine del sistema, partendo proprio dal fulcro attorno a cui ruota: il mercato dell’arte. Alcune delle opere esposte sono state acquistate, fornendo ai collezionisti la possibilità di aggiungere alle proprie collezioni pezzi firmati da un gallerista e da un collezionista. A cosa questo possa portare è ancora tutto da scoprire. Ma la direzione è presa e nuovi appuntamenti e scompaginazioni sono già in calendario. I prossimi, fra qualche mese, a Piacenza.
Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: