Inciampare nell’arte

pubblicato su Exibart venerdì 30 novembre 2007

54228(3)C’è chi è talmente preso dai propri pensieri che per vedere qualcosa deve sbatterci contro. Alla Tate Modern pare che possa inciamparci. A meno di cinquanta giorni dall’inaugurazione, la crepa di Doris Salcedo è già arrivata a 15 vittime, una media di un infortunio ogni trentasei ore. Tanto da far correre ai ripari la dirigenza del museo per cercare di limitare i danni, e le conseguenze legali, nei mesi a venire. Tra le varie soluzioni si è proposto di aumentare il controllo all’ingresso, di predisporre dissuasori, come barriere o linee di demarcazione, oppure di effettuare un copertura in perspex su alcune parti dell’opera. Mentre si attende la decisione finale in grado di salvare le gambe dei poveri visitatori, resta il dubbio se sia il caso di modificare qualcosa di un’opera in grado di colpire davvero lo spettatore. Persino il più distratto.
Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: