Un’intervista

Da Milano a Cracovia: è l’itinerario seguito da Stefano Mazzoni, uno dei nostri corrispondenti dalla Polonia. Anche lui parte di quella “fuga di cervelli” che non accenna ad arrestarsi….

Un’intervista

Da Milano a Cracovia: è l’itinerario seguito da Stefano Mazzoni, uno dei nostri corrispondenti dalla Polonia. Anche lui parte di quella “fuga di cervelli” che non accenna ad arrestarsi….

Dove finisce l’abito e inizia la scultura

Ancora un progetto che parla di arte e moda. Ma la mostra “Wonderingmode”, allestita al CoCA di Torun, in Polonia, anziché riflettere su reciproci influssi e interferenze, resta sul confine tra i due ambiti. Al di là di ogni più

Dove finisce l’abito e inizia la scultura

Ancora un progetto che parla di arte e moda. Ma la mostra “Wonderingmode”, allestita al CoCA di Torun, in Polonia, anziché riflettere su reciproci influssi e interferenze, resta sul confine tra i due ambiti. Al di là di ogni più

Un’astronave che sta mettendo radici – Intervista a Dobrila Denegri

Inaugurato nel 2008, il CoCA di Torun è uno dei più attivi centri di arte contemporanea della Polonia. Dal 2010 è diretto da Dobrila Denegri, arrivata nella città gioiello del gotico polacco dopo una pluriennale esperienza italiana. Abbiamo parlato con

Un’astronave che sta mettendo radici – Intervista a Dobrila Denegri

Inaugurato nel 2008, il CoCA di Torun è uno dei più attivi centri di arte contemporanea della Polonia. Dal 2010 è diretto da Dobrila Denegri, arrivata nella città gioiello del gotico polacco dopo una pluriennale esperienza italiana. Abbiamo parlato con

Dobbiamo fare presto! Intervista con Fabio Cavallucci

A due anni dal suo arrivo in Polonia, abbiamo incontrato il direttore del Castello Ujazdowski, Fabio Cavallucci [nella foto insieme a Spectrum (1999) di Tony Ousler], per fare un bilancio sulla sua esperienza e sulle prospettive del laboratorio artistico-istituzionale. E

Dobbiamo fare presto! Intervista con Fabio Cavallucci

A due anni dal suo arrivo in Polonia, abbiamo incontrato il direttore del Castello Ujazdowski, Fabio Cavallucci [nella foto insieme a Spectrum (1999) di Tony Ousler], per fare un bilancio sulla sua esperienza e sulle prospettive del laboratorio artistico-istituzionale. E

Polonia avanti tutta. Anche con un bicchierino di troppo

Terminata la lunga ricognizione del mondo artistico balcanico, iniziamo a risalire l’Europa centrale. E approdiamo nel Paese più attivo sul fronte del contemporaneo. Almeno nei programmi. Perché i presupposti ci sono ancora tutti, ma un rallentamento è ben visibile.

Polonia avanti tutta. Anche con un bicchierino di troppo

Terminata la lunga ricognizione del mondo artistico balcanico, iniziamo a risalire l’Europa centrale. E approdiamo nel Paese più attivo sul fronte del contemporaneo. Almeno nei programmi. Perché i presupposti ci sono ancora tutti, ma un rallentamento è ben visibile.

Artur Żmijewski – Nel sistema, contro il sistema

Al Castello Ujazdowski di Varsavia è in corso la prima personale di Artur Żmijewski dopo la sua curatela della Biennale di Berlino. Con lui abbiamo parlato di arte, politica, religione. E della sconfitta dell’arte critica.

Artur Żmijewski – Nel sistema, contro il sistema

Al Castello Ujazdowski di Varsavia è in corso la prima personale di Artur Żmijewski dopo la sua curatela della Biennale di Berlino. Con lui abbiamo parlato di arte, politica, religione. E della sconfitta dell’arte critica.

Maurizio Cattelan: back in Varsavia

Dopo l’indigestione del Guggenheim, Maurizio Cattelan torna con una mostra di ridotte dimensioni. Solo sette opere, ma la ghost track è davvero esplosiva. Siamo andati a vederla a Varsavia, dove è allestita al Castello Ujazdowski – diretto da Fabio Cavallucci

Maurizio Cattelan: back in Varsavia

Dopo l’indigestione del Guggenheim, Maurizio Cattelan torna con una mostra di ridotte dimensioni. Solo sette opere, ma la ghost track è davvero esplosiva. Siamo andati a vederla a Varsavia, dove è allestita al Castello Ujazdowski – diretto da Fabio Cavallucci

FREEDOM CLUB

La pittura di Radek Szlaga si nutre dei frammenti più disparati, sovraccaricandosi fino all’implosione.

FREEDOM CLUB

La pittura di Radek Szlaga si nutre dei frammenti più disparati, sovraccaricandosi fino all’implosione.

POST-COMMUNIST NIGHTMARES – Jacek Piotrowicz

Nessuna Ostalgia, nessun malinconica concessione al grigiore del comunismo. Le marionette di Jacek Piotrowicz sono i prigionieri stravolti di un passato privo di redenzione. Ne portano i segni sui volti e sui vestiti, persino nei loro gesti. Non offrono sconti

POST-COMMUNIST NIGHTMARES – Jacek Piotrowicz

Nessuna Ostalgia, nessun malinconica concessione al grigiore del comunismo. Le marionette di Jacek Piotrowicz sono i prigionieri stravolti di un passato privo di redenzione. Ne portano i segni sui volti e sui vestiti, persino nei loro gesti. Non offrono sconti

LA VITA AL DI LÀ DEL MURO

5 fotografi raccontano il quotidiano di un mondo ormai scomparso. Prima del crollo del Muro, tra Berlino e la provincia della Germania dell’Est

LA VITA AL DI LÀ DEL MURO

5 fotografi raccontano il quotidiano di un mondo ormai scomparso. Prima del crollo del Muro, tra Berlino e la provincia della Germania dell’Est