Un’intervista

Da Milano a Cracovia: è l’itinerario seguito da Stefano Mazzoni, uno dei nostri corrispondenti dalla Polonia. Anche lui parte di quella “fuga di cervelli” che non accenna ad arrestarsi….

Un’intervista

Da Milano a Cracovia: è l’itinerario seguito da Stefano Mazzoni, uno dei nostri corrispondenti dalla Polonia. Anche lui parte di quella “fuga di cervelli” che non accenna ad arrestarsi….

Dove finisce l’abito e inizia la scultura

Ancora un progetto che parla di arte e moda. Ma la mostra “Wonderingmode”, allestita al CoCA di Torun, in Polonia, anziché riflettere su reciproci influssi e interferenze, resta sul confine tra i due ambiti. Al di là di ogni più

Dove finisce l’abito e inizia la scultura

Ancora un progetto che parla di arte e moda. Ma la mostra “Wonderingmode”, allestita al CoCA di Torun, in Polonia, anziché riflettere su reciproci influssi e interferenze, resta sul confine tra i due ambiti. Al di là di ogni più

Un’astronave che sta mettendo radici – Intervista a Dobrila Denegri

Inaugurato nel 2008, il CoCA di Torun è uno dei più attivi centri di arte contemporanea della Polonia. Dal 2010 è diretto da Dobrila Denegri, arrivata nella città gioiello del gotico polacco dopo una pluriennale esperienza italiana. Abbiamo parlato con

Un’astronave che sta mettendo radici – Intervista a Dobrila Denegri

Inaugurato nel 2008, il CoCA di Torun è uno dei più attivi centri di arte contemporanea della Polonia. Dal 2010 è diretto da Dobrila Denegri, arrivata nella città gioiello del gotico polacco dopo una pluriennale esperienza italiana. Abbiamo parlato con

Dobbiamo fare presto! Intervista con Fabio Cavallucci

A due anni dal suo arrivo in Polonia, abbiamo incontrato il direttore del Castello Ujazdowski, Fabio Cavallucci [nella foto insieme a Spectrum (1999) di Tony Ousler], per fare un bilancio sulla sua esperienza e sulle prospettive del laboratorio artistico-istituzionale. E

Dobbiamo fare presto! Intervista con Fabio Cavallucci

A due anni dal suo arrivo in Polonia, abbiamo incontrato il direttore del Castello Ujazdowski, Fabio Cavallucci [nella foto insieme a Spectrum (1999) di Tony Ousler], per fare un bilancio sulla sua esperienza e sulle prospettive del laboratorio artistico-istituzionale. E

Polonia avanti tutta. Anche con un bicchierino di troppo

Terminata la lunga ricognizione del mondo artistico balcanico, iniziamo a risalire l’Europa centrale. E approdiamo nel Paese più attivo sul fronte del contemporaneo. Almeno nei programmi. Perché i presupposti ci sono ancora tutti, ma un rallentamento è ben visibile.

Polonia avanti tutta. Anche con un bicchierino di troppo

Terminata la lunga ricognizione del mondo artistico balcanico, iniziamo a risalire l’Europa centrale. E approdiamo nel Paese più attivo sul fronte del contemporaneo. Almeno nei programmi. Perché i presupposti ci sono ancora tutti, ma un rallentamento è ben visibile.

Artur Żmijewski – Nel sistema, contro il sistema

Al Castello Ujazdowski di Varsavia è in corso la prima personale di Artur Żmijewski dopo la sua curatela della Biennale di Berlino. Con lui abbiamo parlato di arte, politica, religione. E della sconfitta dell’arte critica.

Artur Żmijewski – Nel sistema, contro il sistema

Al Castello Ujazdowski di Varsavia è in corso la prima personale di Artur Żmijewski dopo la sua curatela della Biennale di Berlino. Con lui abbiamo parlato di arte, politica, religione. E della sconfitta dell’arte critica.

Maurizio Cattelan: back in Varsavia

Dopo l’indigestione del Guggenheim, Maurizio Cattelan torna con una mostra di ridotte dimensioni. Solo sette opere, ma la ghost track è davvero esplosiva. Siamo andati a vederla a Varsavia, dove è allestita al Castello Ujazdowski – diretto da Fabio Cavallucci

Maurizio Cattelan: back in Varsavia

Dopo l’indigestione del Guggenheim, Maurizio Cattelan torna con una mostra di ridotte dimensioni. Solo sette opere, ma la ghost track è davvero esplosiva. Siamo andati a vederla a Varsavia, dove è allestita al Castello Ujazdowski – diretto da Fabio Cavallucci